Европейска комисия

Финансиране на проекта

Consumer Classroom е финансиран от ЕК портал за учители от страните от ЕС, който им предоставя ресурси за преподаване на потребителско образование.Прочети повече

Генерални Дирекции

ГД Правосъдие и потребители
ГД Образование и култура
ГД Научни изследвани и иновации
Съобщителни мрежи, съдържание и технологии

Европейска комисия
Вижте ощеЗатвори


Insegnare educazione alimentare a scuola

0 коментари

Una delle problematiche tipiche delle scuole è legata alla vendita di alimenti confezionati nei bar o caffetterie scolastiche (e/o quelle messe in cartella dai genitori). Sfatiamo anche il mito che gli alimenti confezionati industriali siano  esenti dalla presenza di carica batterica. Bisogna mettere in evidenza il contenuto di grassi (talvolta idrogenati) cioè di trasformazione dei grassi insaturi  a saturi normalmente utilizzati nella produzione di merendine. Grassi che stabilizzano il prodotto ma sono di provenienza talvolta dubbie.

In questo post non si vuole indagare sulla provenienza di codesti lipidi, piuttosto sulle problematiche legate all'alimentazione degli studenti. Infatti nutrirsi di questi cibi confezionati comporta una alimentazione insalubre, squilibrata verso i grassi e gli zuccheri, (non considerando i conservanti utilizzati nel confezionamento degli stessi). La colazione del mattino deve essere salutare con il giusto apporto dei nutrienti, ed anche lo snak a metà mattinata deve essere equilibrato: una buona mela (o altro tipo di  frutta di stagione) può aiutare lo studente nel frenare i morsi della fame. Bisogna anche considerare che troppi carboidrati prima del pasto principale producono uno squilibrio glicemico che si traduce in un  abbassamento della soglia di attenzione da parte dello studente.  Naturalmente anche il mancato apporto di un giusto quantitativo di zuccheri complessi (che non vanno ad incidere sull'aumento glicidico nel sangue) produce scarsa attenzione. I carboidrati complessi nella giusta misura apportano i mattoncini necessari per tenere  viva l'attività cognitiva nel tempo, senza innalzamenti repentini della curva glicemica.

In conclusione: via gli alimenti confenzionati indrustrialmente, largo alla frutta, pane raffermo o biscotti fatti in casa.

 

 

antonino la manna 0
expert
docente presso MIUR-Italia. Consulente microbiologo presso laboartorio di analisi.Consulente aziendale.refernte delle tecnologie a scuola e formatore sulla didattica digitale.
Обратно горе
Информация
We are sorry but we cannot execute your request. The page was not found.
Съжаляваме, но към момента нямате достъп за изпълнението на това искане?
We are sorry but i cannot execute your request. A internal server error occurred
Comment Report
Нуждаете ли се от помощ? Разгледайтенашия раздел за помощ